Cosa fare a Ibiza: le spiagge segrete dell’isola

Destinazione Ibiza, alla scoperta delle spiagge segrete. Pur essendo meta frequentatissima da turisti di tutto il mondo, l’isola offre ancora luoghi incontaminati.

L’isola di Ibiza è conosciuta in tutto il mondo per le sue belle spiagge e la sua vita notturna e ogni anno milioni di turisti arrivano da tutto il mondo per passare le vacanze estive nell’arcipelago delle Baleari. Nonostante questa massiccia presenza di turisti, Ibiza offre ancora la possibilità di scoprire zone poco conosciute che nascondono spiagge meravigliose e paesaggi da sogno; in questa guida scopriremo le spiagge segrete dell’isola.

Queste spiagge si trovano quasi tutte in zone poco frequentate raggiungibili con qualche difficoltà a causa di strade sterrate e accessi ripidi, ma con un po’ di spirito di avventura potrete raggiungere dei veri e propri paradisi naturali. Ricordate comunque che queste spiagge non sono vigilate da bagnini e la loro posizione isolata rende poco agevole l’arrivo dei soccorsi in caso di emergenza; il consiglio è quindi di informarsi molto bene prima di avventurarsi in questi luoghi e informare le guide locali o l’ufficio turistico del percorso che volete seguire.

Il modo più spettacolare per visitare questi veri e propri gioielli di Ibiza è arrivare via mare, noleggiando una piccola imbarcazione oppure partecipando ai mini tour che alcuni operatori turistici organizzano per andare alla scoperta del lato segreto dell’isola.

Cala Llarga è una delle spiagge più meridionali di Ibiza, una profonda caletta ciottolosa a poca distanza dal bosco della zona di Salines. Il mare in questa zona è incredibilmente trasparente, tanto da sembrare di cristallo, ed è molto indicato per immersioni alla scoperta delle creature marine che abitano gli scogli della baia. Per chi ama l’avventura, le rocce e le piattaforme che fiancheggiano la baia sono perfette per tuffarsi nelle sue acque. La baia si può raggiungere proseguendo da sud lungo la costa dalla spiaggia di Ses Salines, andando oltre il promontorio dove potrete godere di alcune viste spettacolari della vicina isola di Formentera e delle isolette di Sant Espalmador e Sant Espardell.

Cala Llentia, situata a poca distanza dall’isola misteriosa di Es Vedrà, è una piccola baia incastonata in alte scogliere rocciose frequentata solo da pochi abitanti dell’isola che qui trovano rifugio dall’affollamento della stagione estiva. L’accesso alla spiaggia di Cala Llentia non è tra i più semplici poiché prima dovrete seguire una strada sterrata e poi proseguire a piedi per uno stretto sentiero che scende dalla scogliera, ma se saprete avventurarvi fino alla spiaggia arriverete ad una delle più belle calette di tutta l’isola, dove si respira ancora l’atmosfera di un mare incontaminato e selvaggio.

Agua Blanca, chiamata Aigues Blanques in catalano, è una delle spiagge più suggestive di Ibiza, dove la sabbia molto scura incontra il mare blu intenso molto spesso agitato da onde possenti; il luogo perfetto dove fare surf lontano dalle affollate spiagge turistiche. Agua Blanca, situata nella parte nordorientale di Ibiza è un luogo molto amato dagli hippy che spesso si ritrovano nel chiringuito, il piccolo bar a sud della spiaggia, per ammirare il sorgere del sole che nasce dalle acque del Mediterraneo. Questa spiaggia è anche famosa per essere la principale località nudista dell’isola.

Cala Llentrisca, una perfetta mezzaluna di sabbia e ciottoli, è frequentata solo da pescatori, che hanno costruito delle piccole capanne alla fine della baia, e dai pochi turisti che si avventurano fino a qui. L’acqua perfettamente trasparente è l’ideale per immergersi alla scoperta della vita subacquea della costa o ammirare pigramente il fondale a bordo di una canoa. Un fenomeno curioso che si sviluppa su questa spiaggia è una forma di luminescenza effetto dell’acqua e dei minerali della sabbia. Cala Llentrisca si può raggiungere partendo da Sant Josep nella parte meridionale di Ibiza.

Es Portitxol, situata a poca distanza dalla pittoresca cittadina di Portinatx, nella punta a nord-ovest di Ibiza, è una piccola baia tranquilla e riservata dove trascorrere una rilassante giornata lontano da caos e affollamento. Il porticciolo, a poca distanza dalla spiaggia, è uno dei pochi porti ancora utilizzati dai vecchi pesatori dell’isola, e visitarlo è davvero un viaggio nel tempo per riscoprire le antiche tradizioni di Ibiza. Per arrivare alla spiaggia dovrete percorrere uno stretto sentiero lungo la scogliera ancora ammantato da un’atmosfera magica e misteriosa. Sembra che fosse utilizzato in passato dai pirati saraceni che sbarcavano sull’isola per razziare le città sulla costa.

Cala Tarida, una località vicina ad alcune delle più famose e affollate spiagge di Ibiza, nasconde tuttavia molte piccole e appartate calette che con un po’ di attenzione si possono raggiungere dalla scogliera. Una volta discesi troverete alcune meravigliose spiagge di sabbia chiara incorniciate da alte scogliere che proteggono dal vento e dal sole. In queste baie troverete solo alcuni abitanti dell’isola che cercano riparo dall’afflusso di turisti; così potrete rilassarvi e fare il bagno nelle acque più pulite e spettacolari di tutte le Baleari.

Queste località sono poco frequentate anche durante l’alta stagione, che ad Ibiza coincide con i mesi estivi, e quindi offrono un rifugio tranquillo rispetto alle spiagge più affollate anche se si possono trovare comunque turisti. I periodi migliori per avere un clima favorevole e tranquillità sono la primavera e l’autunno, mentre per vedere Ibiza in completa libertà, e a prezzi molto bassi, si può visitare l’isola tra ottobre e marzo. Durante l’inverno, anche se le temperature non permettono di entrare in acqua, il clima è comunque mite e vi permetterà di stare all’aperto e visitare le meravigliose spiagge segrete di Ibiza.

Cosa fare a Ibiza: le spiagge segrete dell’isola