Cosa fare e vedere a Dublino in due giorni

Cosa fare a Dublino in 2 giorni? È una domanda che si pongono in molti e a cui esiste una moltitudine di risposte. Qui di seguito qualche idea

Su cosa fare a Dublino in 2 giorni di vacanza si può scrivere molto. La capitale dell’Irlanda è piena di varie attrattive turistiche, sia storiche che gastronomiche, e spesso si ha solo l’imbarazzo di scelta nel scegliere cosa fare nella grande città. A differenza di molte altre capitali europee, Dublino si è originata a partire da una cittadina abbastanza piccola. Per questo, anche il centro della capitale irlandese è di dimensioni notevolmente ridotte rispetto al centro cittadino di Roma, Parigi o Londra. I principali luoghi d’interesse turistico sono concentrati tutti intorno a Liffey, un fiume che divide in due parti la città. Per questo, a Dublino si possono fare una moltitudine di cose semplicemente camminando, senza dover noleggiare le auto, oppure spendere troppi soldi per i taxi.

La prima cosa da fare a Dublino in 2 giorni, è quella di recarsi presso un qualsiasi pub irlandese (ma va bene anche un ristorante) e mangiarsi la colazione tipicamente anglosassone. Quest’ultima non si differenzia tanto dalla famosa English Breakfast, e permette ai visitatori di avere un notevole apporto di calorie, necessarie per essere carichi d’energia tutta la giornata. La colazione è meglio accompagnarla con un abbondante bicchiere di succo di frutta, preferibilmente alla mela o alle arance. Evitare di bere birra irlandese o alcol a prima mattina: si rischia di avere dei problemi di salute dopo. Una volta che si è mangiato, si potrebbe anche prendere in considerazione l’idea di andare a esplorare la magnifica città. Per farlo, si consiglia di raggiungere il centro cittadino: l’O’Connell Bridge, un ponte situato proprio nel cuore di Dublino.

Da qui ci si potrebbe dirigere verso il famoso in tutto il mondo Trinity College, dove si può visitare il campus e vedere il Book of Kells, un capolavoro medievale di arte celtica. Il libro, adornato in un modo stupendo, contiene i 4 Vangeli canonici della Chiesa Romana. Da qui si può risalire fino a raggiungere la Grafton Street, in cui è situata la statua di Molly Malone. Inoltre, in zona ci sono tanti negozi che vendono souvenir, magliette particolari, oppure semplicemente del cibo da strada. Percorrendo la stessa via, in un paio di minuti si arriva ai giardini di St. Stephen Green. Qui c’è anche un laghetto molto romantico, dove ci si può sdraiare per riposare un pochino dal cammino. Vicino, inoltre, c’è una delle chiese più famose in tutta l’Europa. Si tratta della St. Patrick. Cathedral.

Quest’ultima è un vero gioiello d’architettura, ed è visitata ogni anno da migliaia di turisti curiosi di vedere il primo sito cristiano dell’intera Irlanda. Inoltre, all’imponente edificio sono legate varie storie curiose, che si possono ascoltare grazie a una guida turistica irlandese, oppure semplicemente leggendo i vari libri legati alla struttura. E vicino alla St. Patrick Cathedral, sorge un’altra delle chiese più importanti d’Irlanda: la Christ Church Cathedral. Per capire cosa fare 2 giorni a Dublino, basta entrare dentro la chiesa e vedere la cripta e il tesoro. Sono delle meraviglie artistiche introvabili e rare come delle perle. Inoltre, non ci si può dimenticare per nessun motivo di visitare il luogo simbolico di Dublino, il suo Castello, che appare praticamente in ogni skyline.

Il Dublin Castle è famoso non solo per via della sua architettura molto antica e particolare, ma anche grazie alla sua storia, ricca di colpi di scena e di eventi curiosi. Dopo la visita al castello sarà sicuramente arrivato il tramonto, e quale periodo del giorno migliore per ammirare il Liffey? Il sole tramonta in un modo molto affascinante sulle sponde del fiume di Dublino. In zona c’è anche il FourCourt e l’Ha’Penny Bridge. Il secondo giorno della visita a Dublino, si può prendere in considerazione l’idea di recarsi alla Galleria Nazionale d’Irlanda, dove ammirare lavori artistici di pittori rinomati in tutto il mondo. Quindi, partendo dal O’Connel Bridge, si consiglia di risalire la O’Connell Street, dove osservare la statua di James Joyce, il GPO e lo Spire. Lì si trova anche il Dublin Writers Musem, avvicinato dal James Joyce Center.

Se si è stanchi, ci si può fermare alla Guinness Storehouse, dove comprare delle birre irlandesi pregiate. Tornando in centro città dopo la camminata, si può fare un po’ di sano shopping per le vie del centro cittadino. Se ci sono degli amanti del whiskey nel gruppo turistico, si può andare alla Old Jameson Distillery. Nella grande distilleria dove viene prodotto uno dei whiskey migliori d’Europa, si può assaggiarne un po’ durante la produzione (pagano una simbolica cifra), oppure acquistare delle bottiglie appena realizzate. Gli amanti di storia, potrebbero recarsi al Museo Nazionale, dove ammirare vari oggetti appartenenti alla storia dell’Irlanda. La sera del secondo giorno di viaggio è meglio tornare nell’hotel per ripartire la mattina del giorno dopo.

Cosa fare e vedere a Dublino in due giorni