Cosa fare a Ibiza, il gioiello delle Baleari

Cinque cose da fare a Ibiza, una delle più celebri mete turistiche spagnole, per scoprire le sue meraviglie tra spiagge, acque cristalline, ma anche storia e cultura.

Ibiza, o Eivissa come viene chiamata in catalano, è la maggiore delle isole Pitiuse dell’arcipelago delle Baleari, situate a largo nel Mediterraneo a sud della Catalogna. Quest’isola è una della mete turistiche più frequentate della Spagna grazie alle cristalline acque che bagnano le sue coste e alla vivace vita notturna, ospitando ogni anno quasi 5 milioni di turisti, concentrati nei mesi estivi.

In questa guida scopriremo le principali attrazioni dell’isola, quelle legate alle sue celebri e meravigliose spiagge e quelle che caratterizzano un’Ibiza meno conosciuta ma ugualmente affascinante e autentica, un vero gioiello delle Baleari.

1) Perdersi tra le stradine di Eivissa
Iniziamo l’itinerario a Ibiza dalla sua città principale, Eivissa, situata in una baia naturale sulla costa meridionale dell’isola e arroccata su una collina a strapiombo sul mare. La zona più suggestiva della città è la parte alta, chiamata Dalt Vila, a cui si accede attraverso il Portal de ses Taules, che si apre sulla antiche e possenti mura rinascimentali erette a difesa della città, nella quale troverete gli edifici più antichi. Questa vera e propria acropoli poggia sopra l’antica città fenicia e tra le sue strette stradine troverete le tracce dei vari popoli che conquistarono la città nel corso dei secoli, a partire dal castello saraceno, del quale rimangono solo le suggestive mura diroccate.

Per ammirare uno delle viste più spettacolari dell’isola di Ibiza salite fino alla terrazza panoramica vicino alla cattedrale: da quel punto sopraelevato vedrete l’intera città ai vostri piedi e una meravigliosa panoramica sul mare. Rimanendo nella Dalt Vila, visitate anche la cattedrale, un robusto edificio in stile gotico catalano che domina tutta la zona, e il Museo archeologico, che raccoglie moltissimi reperti che vi permetteranno di conoscere l’antica storia di Ibiza.

Dopo aver fatto una passeggiata tra i possenti bastioni della città alta, tornate verso la città nuova e il porto del quartiere La Marina, dove si trova il lungomare della città. Qui troverete molti dei locali più accattivanti di Eivissa, che ne animano la vita notturna nelle serate estive, ma anche molti ristoranti tradizionali. I turisti più mattinieri potranno avventurarsi nel porto la mattina presto e perdersi tra le bancarelle dei pescatori appena rientrati dalla pesca notturna. Nella zona de La Marina troverete anche la Esglesia de Sant Elm, che conserva al suo interno una meravigliosa statua d’oro del Cristo Redentore e la veneratissima Verge del Carmen che, durante la festa popolare del 16 luglio, viene trasportata dalle barche dei pescatori nel corso di una grande celebrazione tradizionale.

Se volete scattare qualche foto spettacolare della città alta arroccata sulla collina, il punto migliore per inquadrarla è dal Porto Nuovo, che si trova nella zona occidentale della città, dal quale avrete anche un vista non comune sul Puig des Molins, la collina che ospita una delle più grandi necropoli cartaginesi dell’intero Mediterraneo. Prima di lasciare Eivissa non lasciatevi sfuggire la possibilità di passeggiare per la Vara de Rey, l’elegante viale alberato che attraversa la città nuova e cuore pulsante della vita nella città moderna e dello shopping: qui infatti troverete moltissimi locali e ristoranti dove rilassarvi in tranquillità e darvi agli acquisti.

2) Provare i percorsi escursionistici verso la spiaggia di Talamanca
Appena fuori dalla città di Eivissa potrete avventurarvi nei percorsi escursionistici lungo le coste dell’isola di Ibiza, verso la bella spiaggia di Talamanca, una meta perfetta per trovare un lido a poca distanza dal centro, ma ancora poco affollato dal turismo di massa. Questa ampia lingua di sabbia è bagnata da un’acqua cristallina e poco profonda che rende la spiaggia di Talamanca molto adatta ad una tranquilla giornata al mare con tutta la famiglia.

3) Godersi le spiagge di Santa Eulària des Riu in famiglia
L’isola di Ibiza presenta davvero mille volti: una pietra preziosa di cui vale la pena scoprire e ammirare le tante sfaccettature. La zona orientale, attorno alla città di Santa Eulària des Riu, ad esempio, è la regione in cui la vocazione turistica e l’aspetto originario dell’isola hanno trovato un punto di equilibrio; un territorio in grado di offrire un’esperienza strutturata, capace di integrare l’offerta di servizi e confort con il rispetto dell’ambiente e della storia locale. Le città hanno mantenuto un aspetto tradizionale e le principali spiagge, Cala Llonga e Cala Sant Vincent, sono adatte per famiglie e chi cerca relax e comodità.

4) Trascorrere una serata (e nottata) a Sant Antoni
La zona nord occidentale è l’area più densamente popolata dell’isola e quella che ha subito i cambiamenti più radicali dovuti al turismo di massa. Il simbolo di questa regione è la città di Sant Antoni de Portmany, dove grattacieli e centri balneari privati hanno occupato ogni spazio disponibile vicino al mare e l’attrazione principale è costituita dalla sfrenata vita notturna. Se vi piace uscire la sera, amate il divertimento e la movida e volete incontrare altri turisti in visita ad Ibiza questa è la vostra meta ideale.

5) Scoprire la natura maestosa e selvaggia della regione meridionale
Per scoprire il volto più selvaggio e incontaminato di Ibiza dovete visitare la regione meridionale, dove la scarsità di servizi turistici è compensata da paesaggi mozzafiato e natura maestosa e selvaggia. Questa zona è dominata da alte colline coperte da foreste di pini, spiagge sabbiose poco frequentate, scogliere imponenti e città che conservano l’aspetto aspro e affascinante delle isole catalane. I centri più importanti sono Sant Agustì, Sant Josep e Sant Jordi. Località, quest’ultima, dove potrete visitare la Esglesia de Sant Jordi, uno degli edifici religiosi più particolari dell’isola: un’imponente chiesa in forma di fortezza. Tra le spiagge più belle e famose di questa zona di Ibiza si trovano quella Cala Veldella, Cala Tarida e quella di Salines, di un meraviglioso color cipria.

Cosa fare a Ibiza, il gioiello delle Baleari