La balconata del Monte Bianco è il sentiero più bello d’Italia

Una terrazza panoramica naturale da cui ammirare in tutta la sua maestosità il Monte Bianco, la montagna più alta d’Italia e d’Europa

Una terrazza panoramica naturale da cui ammirare in tutta la sua maestosità il Monte Bianco, la vetta delle vette, la montagna più alta d’Italia e d’Europa, che con i suoi 4.810 metri di altezza domina le Alpi.

La balconata del Monte Bianco è il percorso più bello da fare in Italia a primavera, quando il sentiero, con lo sciogliersi della neve, diventa accessibile.

Si tratta di una passeggiata facilissima e fattibile da chiunque, anche i meno esperti. Un trekking affacciato su due delle vali alpine più suggestive della Valle d’Aosta, la Val Vény e la Val Ferret, da cui godere di scorci mozzafiato del Tetto d’Europa.

La Val Veny, detta anche il Balcone sul Bianco, è un trekking classico, che unisce i sentieri dall’Arp Vielle al Col Chécrout passando per il Mont Fortin e Chetif. È uno dei migliori itinerari per godere di Sua Maestà il Monte Bianco in tutta la sua imponenza e a distanza ravvicinata.

La camminata è di fatto un anello: si parte dalla Visaille in Val Vény, passando per il sentiero del Mont Fortin, si incontrano i laghetti alpini delle acque color smeraldo dei Vesses e del Col Chécrout fino ad arrivare al rifugio Maison Vielle.

Questo trekking è un buon modo per vivere il comprensorio sciistico anche con la bella stagione. Una volta arrivati alla Maison Veille, si può scegliere se proseguire a piedi verso la Val Vény oppure fermarsi per un bagno ristoratore e una sauna nella piscina alpina di Plan Chécrouit.

La balconata della Val Ferret è uno spettacolo nello spettacolo: qui il panorama la fa da padrone. Si percorre il sentiero n.1 (TMB) che si affaccia sul Monte Bianco e la catena montuosa è così vicina che sembra poter toccare la neve delle Jorasses e il granito del Dente del Gigante con le dita.

L’itinerario prevede diversi sentieri e varianti più o meno difficili e impegnative (Mont de la Saxe, Col de Malatrà, Valle Arminaz). La via classica e più semplice parte da Planpicieux e arriva al Rifugio Bertone. Da qui, giunti alla baita di Leuchey, si imbocca un sentiero pianeggiante immerso tra prati punteggiati di rododendri e pascoli fino al Rifugio Bonatti. Dal Rifugio Bonatti si riparte verso l’Apr Nouvaz in discesa.

Fuori stagione è facile incontrare cervi e caprioli che amano sostare sui prati che lambiscono il sentiero. Davvero una passeggiata imperdibile.

Il migliore punto di partenza è da La Thuile, da dove prendono il via numerosi sentieri immersi in uno straordinario scenario naturale.

La balconata del Monte Bianco è il sentiero più bello d’I...