Visitare Roma: alla scoperta di angoli inesplorati

Una gita a Roma fuori dagli itinerari tradizionali

La Capitale d’Italia è ogni anno meta preferita per viaggi organizzati e brevi vacanze con la famiglia. I monumenti e le opere d’arte che Roma offre al turista sono tantissimi e costituiscono alcune delle attrattive maggiori per il turismo proveniente da tutto il mondo. Tuttavia vi sono anche molti angoli sconosciuti, fuori dalle tappe del turismo tradizionale, a disposizione di chi vuole veramente conoscere la città. Se cercate nuove idee su cosa vedere di insolito a Roma potrete trovare spunti interessanti.

Un palazzo con la facciata decisamente inquietante si trova tra Via Sistina e Via Gregoriana. Si tratta del Palazzetto Zuccari, che prende il nome dal suo antico proprietario, Federico Zuccari, famoso artista barocco. Nella facciata si possono ammirare cornici che circondano il portone e le finestre su cui sono raffigurate enormi bocche spalancate di mostri. La leggenda vuole che l’artista si sia ispirato ai mostri di Bomarzo, in prossimità di Viterbo.

Un’incredibile illusione ottica è offerta ai turisti che decidono di recarsi alla Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola, a Campo Marzio. Fatta costruire nel 1600 la chiesa non fu mai in realtà ultimata per mancanza di fondi. Dove sarebbe dovuta sorgere la cupola è rimasto uno spazio circolare su cui è stato dipinto un trompe-l’oeil. L’effetto ottico è perfetto e solo i turisti più attenti riescono a notare l’assenza. Per svelare l’illusione ottica è necessario camminare intorno alla chiesa fissando il lucernario della cupola.

Un’altra illusione ottica attende il turista in Via Piccolomini. A pochi passi da Villa Pamphili è possibile godere di una vista spettacolare della Cupola di San Pietro. Molti definiscono questa visuale addirittura migliore di quella offerta dalla piazza antistante la Basilica. Ma la curiosità è dovuta all’effetto ottico. Avvicinandosi alla Cupola questa rimpicciolisce, mentre allontanandosi si ingrandisce.

In Corso Vittorio si trova l’unica fontana al mondo con coperchio. Originariamente situata in Campo de’ Fiori la fontana fu dotata di coperchio per volere di Gregorio XV, per salvaguardarla dai commercianti che, nei giorni di mercato, erano soliti lavarci carne, pesce e verdure.

In Piazza Vittorio si trova l’unica porta rimasta per l’accesso a Villa Palombara. Sulla porta è inciso un messaggio in codice, non ancora svelato, che secondo le credenze popolari permetterebbe di trasformare il metallo in oro: fascino e mistero che arricchiranno il soggiorno.

Immagini: Depositphotos

Visitare Roma: alla scoperta di angoli inesplorati