Un borgo per un weekend: Gangi, gioiello della Sicilia

All'ombra dell'Etna, è il borgo medievale più titolato d'Italia

Gangi è un antico borgo siciliano in provincia di Palermo, ai piedi dell’Etna. Il suo panorama è mozzafiato. Arroccato sul Monte Barone, circondato da verdi colline, sorge sulle rovine di un insediamento ellenico. Imboccando una piccola strada ci si ritrova in un autentico borgo medievale, circondato dalle mura. Il centro storico è stato completamente ricostruito nel 1300 a seguito della distruzione avvenuta nel 1299 durante la guerra del Vespro.

Gangi è uno dei borghi più apprezzati d’Italia: fa parte dei Comuni Gioiello d’Italia, dei Borghi più belli d’Italia ed è stato premiato come Borgo dei borghi 2014.

Stradine che si inerpicano come gomitoli portano da un cortile all’altro delle case addossate e compatte tra loro a formare un unico abitato fatto di antiche chiese con gli alti campanili, come la Chiesa Madre e di bei palazzi signorili: Palazzo Sgadari, che ospita il Museo Civico, Palazzo Bongiorno che è la sede del Consiglio Comunale.

Dallo spettacolare belvedere della piazza del Popolo è possibile ammirare la vallata sottostante e il mantello di tetti, mentre da piazza San Paolo è possibile cogliere il maestoso cono dell’Etna. Gangi è dominato dal castello che si trova su un picco a più di mille metri di altezza e oggi è di proprietà privata.

L’atmosfera suggestiva del centro storico è lo scenario naturale delle feste tradizionali e degli eventi turistico-culturali, che offrono ai visitatori un’ampia possibilità di godere appieno il buon vivere gangitano. Tra piazza San Paolo e corso Umberto Primo è attivo il Wi-Fi gratuito, così turisti e cittadini possono connettersi a Internet liberamente.

Il Comune di recente ha lanciato una sfida per riqualificare il borgo. Ha deciso di svendere le case a 1 euro, ma impone, a chi le compra, di restaurarle. L’iniziativa ha già attirato l’interesse non solo degli acquirenti italiani, ma anche degli stranieri. Le condizioni per l’acquisto sono molto semplici: una volta effettuato il pagamento simbolico, i compratori devono versare una caparra di 5.000 euro che garantisca le loro disponibilità economiche. I lavori di restauro, il cui costo complessivo si aggira attorno ai 35mila euro, devono essere realizzati entro cinque anni, termine entro il quale le case devono risultare abitabili (secondo le norme previste dalla legge). Le case in vendita sono una ventina.

Gangi dista 120 km da Palermo. Imboccando l’autostrada A19 si raggiunge lo svincolo di Castellana Sicula e si imbocca la Strada provinciale 138, poi la SP11 e infine la Strada statale 120 seguendo le indicazioni (GUARDA LA MAPPA).

Un borgo per un weekend: Gangi, gioiello della Sicilia