Take Me Back: viaggiare per regalare un sorriso

Il progetto di Antonio e Andrea: creare una rete di corrieri solidali. Li abbiamo incontrati e ci hanno raccontato il loro sogno (che è già realtà)

Li ascolti raccontare il loro progetto e sai che ce la faranno. Sai che quei bambini avranno le matite, i quaderni, il computer che hanno chiesto e che aspettano con gioiosa impazienza. Lo sai perché nei loro occhi c’è la passione che non ammette deroghe né contempla un passo indietro.

Il progetto si chiama Take Me Back e loro sono Andrea Mariani e Antonio Di Leonardo. Si sono messi in testa di rendere felici gli altri: uomini, donne e bambini sparsi in angoli sperduti del mondo, lontano dalle rotte dei tour operator. Per farlo, stanno mettendo in piedi una rete mondiale di corrieri solidali.

Viaggio e solidarietà, solidarietà e viaggio. Da qui, appunto, Take Me Back. Prossima tappa, la Thailandia. Più precisamente la provincia di Chang Rai, estremo Nord. Entro la metà di novembre, Andrea e Antonio devono raccogliere 5.000 euro per accontentare i bambini della scuola locale che, l’8 luglio scorso, incrociando un altro corriere solidale hanno espresso un desiderio semplice: avere a disposizione quaderni, matite, penne, un impianto audio e un computer.

Vorrebbero studiare ma non hanno gli strumenti per farlo. “Da parte nostra – dicono Andrea e Antonio . vogliamo fare tutto quello che è possibile per accontentarli, per dare una reale opportunità a questi bambini così intraprendenti e volenterosi”.

Qui trovate tutte le informazioni per partecipare alla raccolta

Qui, invece, le altre richieste aperte

Questa è la pagina Facebook dedicato al progetto

Take Me Back: viaggiare per regalare un sorriso