In Svizzera le cabine telefoniche si trasformano in biblioteche

A Lugano le cabine del telefono in disuso vengono impiegate per il bookcrossing

Cabine telefoniche in disuso trasformate in piccole biblioteche. È l’idea che hanno avuto a Lugano, in Svizzera, dove le cabine che ormai nessuno utilizza più perché ampiamente sostituite dai cellulari e dagli smartphone vengono impiegate per fare bookcrossing ovvero scambio di libri.

Le chiamano bibliocabine e se ne contano già 15. I libri lasciati finora in cantina o sugli scaffali impolverati possono così rivivere.

È un modo per diffondere la cultura, ma è anche un modo per riconvertire delle strutture destinate al degrado o alla dismissione.

Per via della diffusione dei telefonini, nel 2018 in Svizzera decadrà l’obbligo per ogni Comune di dotarsi di una cabina del telefono e le vecchie scatole di vetro in molte località del Canton Ticino saranno rimosse.

Così a molti è parsa una buona idea riconvertire questi luoghi in siti di scambi letterari, dove vigono regole e bon-ton applicate al bookcrossing da cabina.

In Svizzera le cabine telefoniche si trasformano in biblioteche